- reset +
Home
Home Info generali Cenni Storici

Cenni Storici

PDFStampaE-mail

1922
II 25 febbraio nasce a Bologna la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori

30 novembre 1924
Prima pagina del verbale della prima seduta del Consiglio Direttivo Centrale della Lega


Scarica il PDF ad alta risoluzione


1927
Riconoscimento giuridico come Ente Morale


1975
Diventa Ente Pubblico con la legge n. 70 del 20 marzo


1994
Viene approvato il nuovo Statuto (D.M. 24 marzo 1994 e sua pubblicazione sulla G.U. n. 88 del 16 aprile 1994). Tra le innovazioni: una nuova natura giuridica per le Sezioni Provinciali dell'Ente (attualmente 106) che sono trasformate in Associazioni, assimilabili agli organismi di Volontariato e l'istituzione dei Comitati di Coordinamento Regionali, di natura pubblica, ai quali è affidato il compito di coordinare a livello regionale le diversificate attività delle Sezioni Provinciali


2001
Revisione dello Statuto, in ottemperanza al D.L. del 29.10.00 n.419 (sua approvazione con D.M. del 30.05.'01 e pubblicazione sulla G.U. 7 luglio 2001 n. 156). Le novità più salienti riguardano: la prevenzione oncologica come compito istituzionale prioritario dell'Ente; la netta separazione tra i compiti politici e di indirizzo del Presidente Nazionale e del Consiglio Direttivo Centrale, da quelli gestionali ed amministrativi del Direttore Generale;
l'istituzione di una Consulta Nazionale Femminile e di un Comitato Etico, con compiti di consulenza nei confronti degli organi dell'Ente; l'istituzione di un Collegio dei Probiviri


2002
Udienza dal Santo Padre, Papa Giovani Paolo II. Il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, riceve al Quirinale le massime cariche dell'Ente


2003
Il Capo dello Stato conferisce alla LILT la Medaglia d'Oro al Merito della Sanità Pubblica


2006
Il 16 gennaio viene approvato il nuovo Statuto dal Ministero della Salute e pubblicato sulla G.U. il 28 gennaio 2006. Le modifiche più significative riguardano: i Comitati di Coordinamento Regionali che sono diventati Comitati Regionali, con a capo un Presidente, che può anche essere persona estranea alla LILT; l'aumento dei membri del Consiglio Direttivo Nazionale da 13 a 15; l'incompatibilità tra la carica di componente del C.D.N. e quella di Presidente del Comitato Regionale; la riconferma del Presidente per due mandati e non soltanto per uno come precedentemente previsto


2008
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, riceve al Quirinale le massime cariche dell'Ente.

 

Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per funzionare e fornire all'utente una migliore esperienza d'uso. Continuando la navigazione accetti le condizioni indicate nella pagina della Privacy.

EU Cookie Directive Module Information